Arance BioTropic contro la tristezza del cemento

Scritto il .

Le arance ricordano istintivamente piccoli soli luminosi. Centinaia di esse possono quindi illuminare anche il grigio più cupo. Come ciò potrebbe essere è stato dimostrato in occasione di un’iniziativa artistica a Colonia. 200 chili delle nostre arance bio pendevano dal tetto di una galleria di Ebertplatz.

La grande piazza pubblica nel bel mezzo della città fu costruita negli anni ’70 del 1900 in stile brutalista. Il duro cemento e le spesse colonne gettano sicuramente su questo luogo un’ombra opprimente e tetra.

Gli studenti dell’accademia di belle arti di Düsseldorf, Conrad Müller e Fernanda Rueda, hanno voluto creare un contrasto, e ci sono proprio riusciti. L’installazione temporanea e performativa che a giugno ha rasserenato l'Ebertplatz per due giorni.si ha preso il nome di “fat drops”. Lì ha avuto luogo anche un evento musicale e l’incontro di persone di culture diverse.

O meglio, come scrivono gli artisti stessi: “Proprio qui, all'Ebertplatz, questo spazio ricreato dà la sensazione di un paradiso tropicale imponderabile, che invita il visitatore ad annusare, toccare, cogliere e assaggiare.” I visitatori hanno avuto la possibilità di raccogliere le proprie arance. Il succo dei frutti è stato spremuto a mano dagli artisti in una performance continua.

Anche il nostro collaboratore BioTropic Vivien Hublier ci è andato: “È stato molto interessante vedere dell'arte in un luogo che altrimenti avrebbe soltanto un carattere funzionale. Sono felice che abbiamo potuto aiutare gli studenti con le nostre arance bio spagnole.” Pensiamo anche che: arte, cultura e biologico si abbinino perfettamente. Mettono in relazione persone e vita e creano nuove prospettive.

Stampa