Aiuti per il coronavirus in Costa Rica

Scritto il .

(Foto gennaio 2020)

Lisbeth Mora, la nostra project manager in Costa Rica, è molto impegnata con i suoi vari ambiti di attività. Da questo Paese dell’America Centrale BioTropic importa zenzero, curcuma e patate dolci di qualità biologica. Solitamente Mora coordina la coltivazione, il raccolto e la formazione dei piccoli agricoltori in loco. Ma questo è un momento senza precedenti. La pandemia globale del coronavirus ha ormai raggiunto da tempo anche questo Paese del Centro America e pone la regione settentrionale, già povera, dinnanzi a nuove sfide.

 “Oltre a svolgere il mio lavoro, mi assicuro che i nostri collaboratori e il comune vengano adeguatamente sostenuti nell’affrontare le sfide legate al coronavirus“, racconta Mora.

I campi e il centro pacchi di BioTropic Costa Rica sono situati al confine con il Nicaragua, proprio come i terreni dei piccoli coltivatori con cui collaboriamo, commercializzando i loro prodotti biologici. Questa regione è purtroppo diventata un hotspot del virus, poiché nel paese confinante la pericolosità della pandemia è stata fortemente sottovalutata. Ma la maggioranza dei lavoratori nel settore agrario e dei servizi del Costa Rica proviene proprio dal Nicaragua. E lo stesso vale anche per le persone che lavorano nel nostro centro pacchi e nelle piantagioni. La maggior parte degli abitanti della zona è di origini nicaraguesi e vi si reca regolarmente per fare visita a parenti e amici. Come se non bastasse, i villaggi ai margini delle piantagioni sono densamente popolati. E così ora molti abitanti della zona hanno contratto il coronavirus.

Nonostante il sistema sanitario e di approvvigionamento del Costa Rica sia tra i più stabili dell’America Latina non è abbastanza sviluppato, soprattutto nelle aree rurali, e gli ospedali sono ormai allo stremo. La quarantena e i coprifuoco in vigore da marzo mettono poi a dura prova l’economia nazionale, che vive essenzialmente di turismo. Il Paese è afflitto da una disoccupazione di massa e l’agricoltura è uno dei pochi settori in cui si può continuare a lavorare. Le conseguenze per la regione rischiano di essere catastrofiche.

L’aiuto concreto di BioTropic e di DEG Bank

Desideriamo sostenere i nostri collaboratori e i piccoli coltivatori anche nei momenti difficili. Per questo abbiamo richiesto una sovvenzione presso l’istituto bancario DEG Bank, in modo da poter intervenire direttamente sul posto con più rapidità ma soprattutto con una portata più ampia. Attualmente stiamo utilizzando il contributo del cosiddetto “Corona Response Fund” per attuare diverse misure volte a contrastare la diffusione del virus:

• Misure igieniche fino alle abitazioni dei nostri collaboratori e delle loro famiglie
• Test mensili per il Covid-19 per tutti i collaboratori, piccoli agricoltori e per i loro aiutanti
• Corsi informativi sul coronavirus e sulle misure igieniche da adottare
• Fornitura settimanale di articoli per l’igiene personale quali sapone, alcool liquido, guanti di latex e mascherine
• Misure costruttive e modifica del centro pacchi per garantire il mantenimento delle distanze e il rispetto delle norme d’igiene

Tutte queste misure sono attuate dalla responsabile per il coronavirus Elisabeth Masis Hernandez, che si assicura anche che tutti rispettino le severe regole in vigore. Se un collaboratore si ammala viene mandato a casa e continua a percepire il suo salario, un’importante sicurezza in più per i lavoratori.

Al di là delle misure contro il coronavirus, gli impiegati, i lavoratori e i piccoli coltivatori di Biotropic Costa Rica ricevono anche somme di denaro e pacchi di alimenti per affrontare questo periodo difficile. A causa del coprifuoco e della quarantena, spesso sono gli unici membri della famiglia a possedere ancora un lavoro. Lisbeth Mora lo sa bene: “Senza la sovvenzione di DEG Bank non saremmo in grado di aiutare così i nostri collaboratori”.

Il raccolto dello zenzero e della curcuma è ormai terminato; adesso ci si prepara alla prossima stagione. Quindi Mora visita regolarmente le piantagioni per discutere della prossima stagione con i produttori e incontra le autorità comunali per capire dove poter dare un aiuto concreto.

Il progetto develoPPP.de, lanciato in Costa Rica nell’ottobre del 2018, è continuato nonostante la pandemia, garantendo la formazione e la certificazione di piccoli agricoltori e il miglioramento dell’infrastruttura del centro pacchi. La prossima volta vi racconteremo di più di questo progetto.

Text: Visnja Malesic
Bilder: BioTropic GmbH
Stand: Juli 2020

Stampa